Menu

eolico offshore eweaSono 418 le turbine eoliche offshore installate nel 2013 in Europa, con un record di 1.567 megawatt di nuova capacità. Si tratta di un terzo in più rispetto alla capacità installata nel 2012. Il totale della potenza dell'energia eolica offshore europea arriva così a 6.562 MW, sufficiente a fornire lo 0,7% dell'energia elettrica di tutta l'Unione.

Regina delle installazioni risulta il Regno Unito, con 733 megawatt, 8 parchi e 212 nuove turbine, seguito da Danimarca, Germania e Belgio. Del totale di 1.567 MW, il 72% si colloca nel Mare del Nord, il 22% nel Baltico e il restante 6% nell'Oceano Atlantico.

Siemens continua ad essere il primo fornitore di turbine off-shore in termini di installazioni annuali. Con 1.082 MW di nuova capacità connessa, Siemens rappresenta il 69% del mercato. BARD (240 MW, 15%), Vestas (123 MW, 8%) e Senvion (REpower) (111 MW, 7%) sono gli altri tre produttori di turbine che hanno collegato proprie turbine in parchi eolici su vasta scala nel corso del 2013.

Tutto questo lo rivela il Report "The European offshore wind industry -key trends and statistics 2013" appena rilasciato dall'Ewea. Ma a uno sguardo più attento, ciò che è accaduto nell'anno appena trascorso rivela un rallentamento molto marcato: ben i due terzi della nuova capacità sono, infatti, ascrivibili ai primi sei mesi del 2013.

La paura è che il pacchetto clima-energia 2030 mini lo sviluppo di questo mercato. Con 11 progetti attualmente in costruzione, in calo rispetto ai 14 dello scorso anno, i 22.000 MW di progetti consentiti in tutta Europa sarebbero a rischio.

wind offshore

siemens ewea

"Il sostegno politico poco chiaro all'energia eolica offshore - soprattutto nei mercati eolici offshore chiave come il Regno Unito e la Germania - ha causato ritardi nei progetti previsti e una diminuzione dei nuovi progetti in fase di lancio", ha detto Justin Wilkes, CEO dell'European Wind Energy Association (EWEA). Il settore, quindi, resta sospeso, almeno fin quando non verrà presa una decisione più ambiziosa sul target di energie rinnovabili al 2030 da parte dei capi di Stato nel mese di Marzo.

Per consultare il report clicca qui

Roberta Ragni

GreenBiz.it

Network