Menu

london array2È stato inaugurato ieri il più grande parco eolico offshore del mondo. È London Array e si tratta di un progetto congiunto di E.ON, della società energetica danese Dong e di Masdar, il fondo per le infrastrutture di Abu Dhabi. Entrato in funzione nel mese di aprile, il parco eolico offshore ha una capacità pari a 630 MW e produrrà una quantità annua di energia pulita pari al fabbisogno di circa mezzo milione di abitazioni nel Regno Unito.


L'inaugurazione ha visto la partecipazione del premier inglese David Cameron, insieme a Johannes Teyssen (E.ON), Brent Cheshire, (Dong Energy), il Sultano Ahmed Al Jaber (Masdar) e Peter Löscher (Siemens). Situato 20 chilometri al largo della costa del Kent, nel sud-est dell'Inghilterra, London Array ha iniziato a essere realizzato a marzo del 2011.

Da allora sono stati installati 175 aerogeneratori e oltre 200 km di cavi a una profondità di 25 metri. Le turbine raggiungono l'altezza di 147 metri sul livello del mare e ciascuna delle due sottostazioni elettriche offshore, pesa 1.250 tonnellate. Quando i lavori di costruzione era in pieno svolgimento, oltre 60 imbarcazioni, tra cui le più moderne navi per l'installazione di turbine eoliche in mare aperto, la MPI Discovery e la MPI Adventure, e più di 1.000 persone erano sul sito contemporaneamente.

london array

In media, i tecnici a bordo della Discovery MPI hanno impiegato uno o due giorni per erigere completamente una turbina eolica in mare, ma se il tempo era bello il tutto si riduceva a solo dodici ore. Grazie a un contratto della durata di sei anni, E.ON sta impiegando la MPI Discovery per la realizzazione dei parchi eolici offshore a Kårehamn (Svezia), Humber Gateway (Regno Unito) e ad Amrumbank-West, nel Mare del Nord della Germania.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Eolico off-shore: il London Array, il più grande parco del mondo è pienamente operativo

GreenBiz.it

Network