Menu

geotermia

Uno sconto di circa il 10% sul prezzo dell'energia elettrica fornita alle oltre 5.200 aziende che operano nei territori dei comuni toscani, distribuiti nelle province di Pisa, Grosseto e Siena che appartengono alle aree geotermiche.

È quanto prevede l'intesa siglata oggi a Firenze in Palazzo Strozzi Sacrati dalla Regione Toscana e da Enel, rappresentate rispettivamente dal suo presidente e dal country manager per l'Italia.

La fornitura sarà erogata al prezzo che la società elettrica pratica ai suoi migliori clienti. A beneficiarne saranno le piccole medie imprese esistenti nei 16 comuni interessati dall'intesa. Si tratta di Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castelnuovo Val di Cecina, Chiusdino, Montecatini Val di Cecina, Monterotondo Marittimo, Monteverdi Marittimo, Montieri, Piancastagnaio, Pomarance, Radicofani, Radicondoli, Roccalbegna, San Casciano dei Bagni e Santa Fiora.

Sono 2.610 imprese manifatturiere che danno lavoro a quasi 10.000 addetti e di 2.674 imprese agricole che occupano altre migliaia di lavoratori. L'offerta di Enel equipara di fatto i prezzi praticati a tutte le imprese presenti nel territorio geotermico a quelli riservati ai clienti industriali, con una riduzione della bolletta elettrica in grado di compensare lo svantaggio logistico delle zone interessate.

Adesso, nell'ambito degli accordi per la definizione dello sfruttamento geotermico nell'intera area su cui insiste questa risorsa energetica, la facilitazione economica oltre che riguardare il grossetano, è stata estesa anche alle aree geotermiche delle province di Pisa e Siena.

Enel Green Power si è assunta autonomamente l'onere di realizzare e poi cedere gratuitamente ai comuni di Arcidosso e Santa Fiora una volta ultimata, una piscina riscaldata con il calore prodotto dalla geotermia. Si tratta di una struttura di 1.850 metri quadrati con copertura in legno lamellare ed esterni interamente in vetro e tre vasche, una semiolimpionica da 25X16,8 metri, una per bambini e la terza dedicata a fitness, acquagym e riabilitazione.

Infine, nell'ambito del migliore sfruttamento dei vapori geotermici, è prevista la realizzazione di una rete di cessione del calore destinata alle attività produttive esistenti e a quelle che vorranno impiantarvisi, nell'area delle Aiole nel comune di Arcidosso. Per questi interventi è prevista una spesa complessiva di circa 4,5 milioni di euro.

L'accordo tra Enel spa e Regione Toscana, con cui si concretizzerà l'intesa, conclude idealmente quanto previsto nell'Accordo Generale sulla Geotermia firmato a Roma il 20 dicembre 2007 tra la Enel, la Regione Toscana e 15 dei 16 comuni geotermici della Toscana, che ha comportato un notevole ampliamento (pari a 112 megawatt) della potenza geotermoelettrica installata in Toscana che oggi arriva a circa 900 megawatt, 40 dei quali rappresentati dalla recentissima centrale di Bagnore 4.

Leggi anche:

Geotermia, 3mila occupati: È davvero il futuro a emissioni zero?

GreenBiz.it

Network