Menu

'senato'Predisporre le attività relative agli interventi di contenimento dei consumi energetici negli edifici del Senato'' entro 60 giorni.

È quanto stabilisce il protocollo d'intesa siglato ieri, alla presenza del presidente Renato Schifani, a Palazzo Madama, tra il Senato e il Gestore dei Servizi Energetici (GSE), e sottoscritto dai senatori questori Paolo Franco, Benedetto Adragna e Angelo Maria Cicolani e dall'amministratore delegato del GSE Nando Pasquali.

Il piano consentirà al Senato di avvalersi della consulenza, a titolo gratuito, del Gestore dei Servizi Energetici in merito agli interventi per la riduzione del consumo energetico e ai progetti di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare fotovoltaico e geotermia, presso l'area del Trullo, dove troveranno collocazione i nuovi magazzini del Senato a seguito dell'accordo raggiunto tra palazzo Madama e i ministeri dell Difesa e dell'economia.

Presenti all'evento anche i membri del Comitato per il risparmio e l'efficienza energetica del Senato, presieduto da Simona Vicari e composto inoltre da Anna Rita Fioroni e Luciano Cagnin, che il presidente del Senato ha ringraziato per il “progetto ambizioso che ci consente di utilizzare i vantaggi del libero mercato dell'energia e rientra in un piano più generale di contenimento delle spese sul quale siamo quotidianamente impegnati, in un momento in cui la situazione economica impone la massima attenzione nell'uso delle risorse pubbliche''.

"La firma del protocollo d'intesa tra il Senato ed il Gestore dei Servizi Energetici conferma l'opera di risparmio e di contenimento dei costi che il presidente Schifani ha voluto intraprendere in questa legislatura. Dal primo gennaio di quest'anno, grazie all'intervento del Comitato per il Risparmio e l'efficienza energetica, è stata registrata una riduzione del 20 per cento del prezzo del gas. Adesso con questo accordo entro 60 giorni sarà varato un piano d'azione che consentirà di contenere i consumi energetici negli edifici del Senato, e di mettere in atto interventi per produrre energia rinnovabile grazie all'installazione di impianti fotovoltaici e di geotermia”, ha dichiarato la senatrice Vicari.

Palazzo Madama si pone così all'avanguardia nell'impegno per il raggiungimento degli obblighi comunitari assunti dall'Italia con il cosiddetto ''pacchetto clima-energia'' e, in un momento in cui al Paese sono richiesti importanti sacrifici, il fatto che si sia impegnato per una sensibile riduzione delle spese energetiche rappresenta senza alcun dubbio un esempio virtuoso e significativo.

Roberta Ragni

 

GreenBiz.it

Network