Menu

torre cile

Il secondo edificio più alto del Cile si trova in una località davvero remota: il deserto di Atacama. Non si tratta però di una struttura qualsiasi, ma di una torre ad energia solare alta 200 metri.

Da lontano assomiglia a una sorta di santuario ma in realtà questo impianto solare a concentrazione potrebbe rappresentare la soluzione per alimentare il Paese con le energie rinnovabili. La torre è pensata per realizzare i sogni di tutti i sostenitori delle energie pulite: produrre 110 megawatt di energia 24 ore su 24.

Si tratta del primo esempio di questo genere in Sudamerica ed è probabilmente la torre ad energia solare più alta del mondo. L’impianto non dipende dalle importazioni di energia o di altri materiali e sfrutta le giornate soleggiate disponibili in Cile, e i costi di manutenzione pare che non saranno esorbitanti.

La presenza del sole sarà costante, dato che in questa zona desertica si calcolano soltanto due o tre giornate nuvolose annue. Il progetto è davvero ambizioso e mira a ridurre le emissioni di Co2 di almeno 840 mila tonnellate all’anno.

La produzione di energia solare in Cile diventerà sempre più competitiva ed è possibile che anche altri luoghi del mondo in futuro pensino di sfruttare le zone desertiche per ricavare energia pulita. Si tratta al momento di progetti avveniristici che però potrebbero cambiare il modo di considerare le risorse disponibili da parte delle economie mondiali.

cile torre solare

Del resto le zone del mondo dove il sole è presente tutto l'anno non dovrebbero avere motivo di attendere per il passaggio alle rinnovabili, con particolare riferimento alla produzione di energia elettrica e alla rinuncia dell’energia ricavata da una delle fonti fossili più inquinanti e pericolose per la salute, cioè il carbone.

Marta Albè

Fonte foto: The Guardian

Leggi anche:

GreenBiz.it

Network