Menu

pannellisolariUn’analisi di Frost & Sullivan identifica forti prospettive di crescita nell’integrazione, consolidamento e time-shifting delle energie rinnovabili: grazie alle energie pulite i sistemi di accumulo a batteria per la rete saliranno a quota 8,3 miliardi di dollari entro il 2024.

Il mercato dei sistemi di accumulo utility-scale per la rete sta crescendo rapidamente, guidato dagli importanti progressi tecnologici e dalla crescita delle capacità produttive. La tendenza crescente del mercato ha catturato l'attenzione dei governi, che stanno implementando politiche favorevoli come sovvenzioni, tariffe preferenziali e obiettivi nei mercati chiave. La commercializzazione di soluzioni utility-scale per la rete accelererà dopo il 2017, portando enormi opportunità per le aziende che hanno le capacità tecnologiche per competere nel mercato.

È questo lo scenario delineato da Frost & Sullivan, che inGlobal Utility Scale, Grid-Connected Battery Energy Storage System Markets rileva che il mercato ha prodotto entrate per 0,46 miliardi di dollari nel 2014 e stima che questa cifra raggiungerà quota 8,30 miliardi di dollari nel 2024. Si prevede che le batterie al litio saranno la tecnologia dominante per i sistemi utility-scale per la rete nei prossimi 2-3 anni.

La crescita globale della produzione variabile di energia rinnovabile, soprattutto eolica e fotovoltaica, ha modificato le politiche normative relative all’interconnessione delle fonti di energia rinnovabile alla rete. Ciò alimenta la domanda di modernizzazione della rete attraverso tecnologie di immagazzinamento a risposta rapida come i sistemi di accumulo a batteria (BESS).

I sistemi di accumulo a batteria sono in grado di dare flessibilità alla rete per una serie di diverse applicazioni finali. I principali vantaggi sono la fornitura di consolidamento e time-shifting dell’energia rinnovabile distribuita e variabile, e di un rapido bilanciamento dell’elettricità a breve termine per i mercati ausiliari”, commenta infatti Ross Bruton, analista di Frost & Sullivan.

Inoltre, il rapido sviluppo dei mercati dei sistemi di accumulo associati a veicoli elettrici/ibridi, elettronica di consumo e dispositivi indossabili ha ridotto i costi e catalizzato lo sviluppo tecnologico e la capacità di produzione. In questo scenario, la tecnologia delle batterie sarà una delle opzioni di accumulo distribuito più promettenti per la commercializzazione futura. Ma all'ottimismo si affianca una serie di sfide sfide, legate ad un mercato in fase iniziale:

Costi elevati

•Bassa maturità tecnologica

•Mancanza di un business case e di una proposta di valore chiari

•Dati limitati relativi alle applicazioni pratiche per sostenere l'efficienza e gli standard di sicurezza valutati in laboratorio

•Incentivi, obiettivi e politiche di sostegno non adeguati

•Scarsi consolidamenti di mercato per offrire soluzioni “chiavi in mano”

“Complessivamente, i prezzi attraenti, insieme all’aumento della produzione e alle politiche a sostegno dello sviluppo delle energie rinnovabili, aumenteranno la bancabilità dei progetti di energia rinnovabile associati ai progetti di accumulo, osserva Bruton.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

11 isole del mondo 100% rinnovabili

Fotovoltaico Usa: i proprietari degli impianti sempre piu' soddisfatti delle utility

Sistemi di accumulo: in Europa non convengono. Ma è davvero così?

GreenBiz.it

Network