Menu

bolletta energiaOltre ad uccidere le rinnovabili “spalmando gli incentivi”, il nuovo decreto taglia bollette potrebbe mettere a rischio anche i buoni propositi sull'autoconsumo, considerato il traguardo da raggiungere per il settore delle energie pulite. Ma le nuove norme introducono oneri di sistema del 5/10% per l'energia consumata all’interno di RIU (Reti Interne di Utenza) e SEU (Sistemi Efficienti di Utenza).

Un nuovo colpo di mano, che penalizza di fatto, i settori più promettenti intraprendendo la strada opposta rispetto a quella tracciata dall'Europa, soprattutto riguardo alla SEU. Un 5-10% che potrebbe pesare come un macigno, disincentivando di fatto l'autoconsumo. Il 5% riguarda gli impianti in esercizio a fine 2014 e quelli non incentivati mentre il 10% riguarda i sistemi che otterranno incentivi nel 2015.

In sostanza, ad essere penalizzati saranno soprattutto i sistemi che nasceranno il prossimo anno. Bollette sì tagliate, ma a che prezzo? La riduzione del 10% dei costi per gli utenti, così pensata, graverà soprattutto sulle rinnovabili, in vari modi. Dalla retroattività degli incentivi agli oneri Riu e Seu su autoconsumo e cogenerazione. Se si considera quest'ultimo settore, penalizzato allo stesso modo, esso è visto come priorità strategica della Comunità dalla Direttiva 2004/8/CE ed ampiamente ripreso nella nuova Direttiva sull'Efficienza Energetica.

Nel corso degli ultimi dieci anni, tanti sono stati i provvedimenti rivolti al settore, e non sempre a suo favore. Ma quest'ultimo ha sollevato i malumori della categoria, come ha sottolineato Italcogen, secondo cui “l'imposizione di oneri di sistema ad un settore che oggi garantisce competitività e prezzi energetici più contenuti ad una parte importante del sistema produttivo del Paese è un provvedimento ingiusto e non sostenibile. Non ci sono solo in gioco le sorti di un intero settore industriale e di servizi. Ma la credibilità dell’Italia in un contesto internazionale che è sempre più fortemente orientato verso politiche energetiche basate su alta efficienza, rispetto dell’ambiente e pluralità delle fonti di produzione”. Da qui l'invito al Governo di ripensare la politica energetica per l'Italia tenendo conto delle Direttive Comunitarie per favorire investimenti e occupazione.

Le dichiarazioni tenute dal Presidente dell'Aeeg Guido Bortoni nella lettura della Relazione Annuale sullo stato dei servizi e sull'attività svolta confermano il solito indirizzo politico; attaccare le rinnovabili per conservare un sistema energetico obsoleto. Per questo ribadiamo ancora una volta che le fonti energetiche rinnovabili anche grazie allo sviluppo tecnologico ormai raggiunto non sono un rischio per la sicurezza del sistema ma viceversa offrono una enorme opportunità per il Paese. Non è possibile sentirsi dire dall'Autorità che il c.d. "capacity payment" serve alle rinnovabili quando è facile capirne la sua inutilità al sistema se non per avvantaggiare i pochi noti,” ha detto Gianni Girotto, Capogruppo M5S in X Commissione Industria Senato.

Assistal ha inoltre calcolato l'impatto che la nuova tassazione avrà sulla cogenerazione ad alto rendimento: si andrà dai 4 ai 6 € per MWh consumato, a seconda della taglia: “Tutti i soggetti che producono e distribuiscono energia a grandi clienti industriali rischiano così di subire perdite per svariati milioni di Euro e di rendere impossibile qualsiasi pianificazione d’investimento per l’energia efficienziale. In controtendenza con gli indirizzi europei, il nostro Paese pare quindi pronto a votare l’estinzione della generazione distribuita efficienziale ed in particolare della cogenerazione nell’industria”.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Taglia bollette e #spalmaincentivi: l'Italia non #cambiaverso. Intervista a Francesco Ferrante, Kyoto Club (VIDEO)

Seu, Riu e scambio sul posto: l'Aeeg intervenga per le rinnovabili

Taglia bollette, ecco il decreto: il Governo uccide le rinnovabili con lo spalma incentivi

Rinnovabili e taglia bollette: lo 'spalma incentivi' è incostituzionale (PETIZIONE)

Ridurre le bollette elettriche con le rinnovabili

Rinnovabili, altro che rincari: ecco perchè alleggeriranno le bollette

Solarexpo: il fotovoltaico italiano vincera’ la sfida dell’autoconsumo?

GreenBiz.it

Network